Il boom dei grocerant: il negozio si fonde con il ristorante gourmet

grocerant

Il boom dei grocerant: il negozio si fonde con il ristorante gourmet

Grocerant: mix vincente tra negozio e ristorante gourmet

Avete già sentito parlare di grocerant? L’esperienza d’acquisto nella grande distribuzione cambia, inseguendo i gusti di consumatori sempre più attenti alla qualità del cibo, in termini di valori nutrizionali, filiera, ricercatezza degli ingredienti e prodotti di nicchia.

Anche negli Stati Uniti, patria del junk food, qualcosa si muove e si assiste ad un’impennata (+30% lo scorso anno) di consumi nei negozi gourmet, in cui acquistare piatti pronti o alimenti bio e specialità gastronomiche.

La tendenza si sta affermando anche in Europa e in Italia, e si può interpretare come un’evoluzione della gastronomia classica. Per comprare cibi sfiziosi e risparmiare tempo, spesso si preferisce il supermercato ai negozi di specialità gastronomiche. Negli anni, il reparto dedicato ai freschi si è arricchito e cattura molti clienti che, stufi di mangiare surgelati, vogliono gustare qualcosa di pronto ma senza rinunciare alla qualità.

 

Un’esperienza d’acquisto amata dai giovani

Ad apprezzare maggiormente i grocerant sono i giovani. I millenials non si trovano a proprio agio a frequentare la gastronomia sotto casa e sono attratti dall’aspetto curato, moderno e invitante dei corner food creati dai grandi supermercati. Qui non si trovano soltanto vaschette di cibo pronto, ma molto di più, una vera shopping experience da vivere immersi nel cibo. Menu suggeriti da chef stellati, spiegazioni sui piatti e sugli abbinamenti, oltre a carrellate di informazioni nutrizionali che per i giovani attenti alle etichette hanno un appeal irresistibile.

Guardando questa evoluzione, è impossibile non pensare a Eataly, il primo format italiano di supermercato/ristorante di prodotti di qualità lanciato nel 2004 da Oscar Farinetti che oggi conta 33 negozi sparsi nel mondo, un fatturato di oltre 500 milioni di euro ed è a un passo dalla quotazione in borsa.